PRIX LITTÉRAIRE BERNARD HEIDSIECK - CENTRE POMPIDOU 2019

11 Settembre 2019 h 20.30 - Forum 1 Centre Georges Pompidou, Parigi

AUDIOGUIDA

Fondazione Bonotto ha il piacere di annunciare la terza edizione del Prix Littéraire Bernard Heidsieck-Centre Pompidou nell'ambito di Extra! Le festival de la littérature vivante, festival delle letterature fuori dal libro, nato nel 2017 dalla collaborazione tra il Centre Pompidou e la Fondazione Bonotto.


Il Prix Littéraire Bernard Heidsieck-Centre Pompidou, assegnato lo scorso anno a Michèle Métail, Fia Backström e Alain Arias-Misson, mira a onorare e premiare più e diverse forme di creazio- ne e diffusione della letteratura, spesso differenti dal libro: poesia sonora, performance, conferenze- performance, letture, film-poemi, creazioni radiofoniche, esibizioni letterarie, letteratura digitale, ecc. Posta sotto il nome del poeta Bernard Heidsieck, vero pioniere della poesia sonora, questo premio afferma così la sua grande singolarità.

Per questa terza edizione di Extra ! Le festival de la littérature vivante, sarà inaugurata la mostra personale di Alain Arias-Misson. L'artista vinse il premio Méntion Spéciale Fondazione Bonotto 2018 e quest'anno esporrà al Centre Pompidou alcuni suoi lavori e l'arazzo realizzato per l'occasione, prodotto dalla Fondazione Bonotto.

___


Fondazione Bonotto e il Centre Pompidou annunciano i vincitori del Prix littéraire Bernard Heidsieck-Centre Pompidou 2019

1) Il PRIX D'HONNEUR Bernard Heidsieck-Centre Pompidou, che riconosce il notevole valore del lavoro artistico di una vita, viene assegnato a:

CLEMENTE PADÌN (Lascano, Uruguay, 1939)

Clemente Padìn (Lascano, 1939) è un poeta, performer, designer e artista multimediale uruguaiano. È anche un importante teorico delle pratiche poetiche delle avanguardie storiche. Negli anni '60, è stato uno dei promotori della mail art in America Latina. Nel 1966, ha creato la rivista Los Huevos del Plata, che dà il tono a una poesia decisamente moderna che si reinventa al di fuori dei formalismi dell'epoca, e che appare politica.

L'impegno politico dell'artista e il suo lavoro, che spesso esponevano discorsi proibiti o vietati dalle forze politiche, varranno per lui la pena di essere messo in prigione dal 1977 al 1979 dalla dittatura militare, per poi rimanere in libertà vigilata fino al 1984. Il Prix littéraire Centre Pompidou Bernard Heidsieck-Centre Pompidou gli viene assegnato 40 anni dopo la sua liberazione dal carcere.

Con la sua assegnazione del Prix d'honneur, la giuria del Prix littéraire Bernard Heidsieck - Centre Pompidou intende dare valore a una figura influente sulla poesia contribuendo ad aumentare il suo riconoscimento pubblico internazionale.


2) Il PRIX 2019 riconosce un autore per la rilevanza e la qualità della sua creazione letteraria per l’anno 2019, viene assegnato a:

CIA RINNE (nata a Göteborg, Svezia, 1973)

Cia Rinne è una poetessa che vive nel sud di Berlino. Nata a Göteborg (Svezia), è cresciuta in Germania e ha studiato filosofia a Francoforte, Atene e Helsinki. I suoi testi minimalisti sono scritti in diverse lingue e riducono le domande filosofiche e linguistiche a sequenze sonore con dei cambiamenti di significato. Le sue performance, mostre e installazioni sonore sono presentate in Europa e in giro per il mondo. Recentemente è stato esposto il suo lavoro sonoro leçon du mot [le son du mot] (con Sebastian Eskildsen, 2018) alla Glyptothek di Copenaghen.


3) Il PRIX MENTION SPÉCIAL FONDAZIONE BONOTTO, conferito al poeta:

FRAN MON (Francoforte, Germania, 1926)

Franz Mon (nato nel 1926 a Francoforte, dove tuttora vive) è uno dei pionieri della poesia concreta e sonora in Germania. Da bambino, usato durante la guerra per aiutare la difesa aerea, scopre la modernità artistica vietata dai nazisti leggendo una recensione letteraria in un campo di prigionia alleato. Successivamente, ha cambiato il suo cognome tedesco Löffelholz in MON, un palindromo che gli evocava "MON NOM” in francese. In risposta all'uso abusivo della lingua sotto il nazismo, le sue poesie, la sua prosa e i suoi pezzi radiofonici combinano una concentrazione minimalista su una lingua che veniva vista sospetto, manifestando un'espressione allo stesso tempo grave e assurda del- l’essere umano. Vicino al movimento della poesia concreta degli anni '50, Mon rimane un solitario radicale che crede in una funzione critica della sperimentazione.


I messaggi ricevuti dai due artisti che non potranno essere presenti alla premiazione

Clemente Padìn

“Un ricordo per Bernard ...
“Ho conosciuto Bernard Heidsieck in modo epistolare negli anni '60 del secolo scorso e sono stato toccato nell'apprendere che un poeta sperimentale-sonoro avesse vinto il Premio nazionale francese per la letteratura ... è stato un evento assolutamente insolito per qualsiasi paese ... quei premi sempre, sempre, lo hanno vinto i poeti tradizionali ... più tardi, grazie a DOC(K)S, la rivista di Julien Blaine, mi sono messo in contatto con lui e Bernard mi ha inviato alcuni dei suoi fantastici album in cambio della nostra modesta rivista OVUM 10 negli anni ’70, che ci ha dato la possibilità di diffondere queste nuo- ve forme letterarie nei nostri paesi. Poi, a causa della mia prigionia sotto la dittatura uruguaiana (7 anni), l'ho perso di vista fino a quando mi è arrivata la triste notizia della sua morte e da lì è stato l'ini- zio della sua leggenda che anno dopo anno rinasce in questi premi sostenuti dalla Fondazione Bonot- to .. totalmente grato, non ho parole per esprimere la mia ammirazione e rispetto per la sua eredità, non per la semplice sperimentazione con le forme, l'eterno empirico, ma per ciò che significa cedere a un atteggiamento di cambiamento e rinnovamento della realtà in tutti i suoi aspetti... I contenuti sono sempre gli stessi nel tempo, ciò che cambia sono i modi in cui si esprimono ...”

Franz Mon

“All’inizio mi sono chiesto, qual è il mio materiale letterario?

Senza dubbio il testo, la scrittura - ma anche la voce. L'invenzione del magnetofono rese la letteratura fruibile. Le stazioni radio si offrirono come media. Negli anni del dopoguerra, un cosmo di poesia acustica prese sviluppo.

Il modo materico del pensiero raggiunse anche l'altro strumento del linguaggio: le lettere. Che non sono solo segni di parole, ma sono anche segni mentali, entità autonome con cui è possibile creare trame letterarie leggibili su un muro di casa come su un foglio di carta.

Gli occhi e le orecchie sono stati aperti nel nostro tempo a un mondo così nuovo di esperienza, che è internazionale. Le lingue rimangono, senza confini, come ognuno di noi può scoprire. Sono lieto che esista il Prix Littéraire Bernard Heidsieck - Centre Pompidou. È un nuovo apprezzamento per tutte le numerose produzioni letterarie che non si riferiscono più solo alla pubblicazione di libri tradizionali.

I miei più sinceri ringraziamenti alla Fondazione Bonotto e al Centre Georges Pompidou per aver onorato questa tradizione e il mio contributo ad essa.”

____


Prix Littéraire Bernard Heidsieck - Centre Pompidou
11 settembre 2019

Extra !
Le festival de la littérature vivante

dall'11 al 15 settembre 2019

Centre George Pompidou, Parigi
Forum -1, Petite salle
Ingresso libero

Lista dei candidati al Prix littéraire Bernard Heidsieck – Centre Pompidou 2019
Véronique Aubouy (videographer, autore del progetto "Proust lu", dal 1993 - Francia)
Alessandro Bossetti (poeta e compositore - Italia)
Jean-Michel Espitallier (scrittore - Francia)
Heike Fiedler (poetessa, autrice e artista - Svizzera)
Anna Holveck (performer - Francia)
Christina Linaris-Coridou (poetessa e artista - Grecia)
Violaine Lochu (performer sonora - Francia)
Cia Rinne (poetessa - Finlandia)
Pierre Tilman (poeta e artista - Francia)
Ye Mimi (poeta e videographer - Taiwan)

Presidente
Esther Ferrer, artista

Membri della commissione
Nathalie et Emmanuelle Heidsieck, figlie di Bernard Heidsieck
Patrizio Peterlini, Fondazione Bonotto, mecenate del Prix Bernard Heidsieck-Centre Pompidou
Kathryn Weir, Directrice du Département du développement culturel, Centre Pompidou
Bernard Blistène, Directeur du Musée national d’art moderne, Centre Pompidou
Christine Carrier, Directrice de la Bpi (Bibliothèque Publique d’information), Centre Pompidou
Jean-Max Colard, Chef du service de la Parole, concepteur du Festival EXTRA !
Aurélie Olivier, Programmatrice du Festival EXTRA !
Demosthenes Agrafiotis, artista e poeta
Anne-James Chaton, scrittrice
Martina Corgnati, storica e critica d'arte
Hung Hung, Directeur du Taipei Poetry Festival
Mathieu Potte-Bonneville, Directeur du Département culture et création
Cristina de Simone, docente universitaria

Commissione Menzione Speciale Fondazione Bonotto
Luigi Bonotto (Presidente Fondazione Bonotto)
Lorenzo Bonotto (Consiglio d’amministrazione Fondazione Bonotto)
Giovanni Bonotto (Consiglio d’amministrazione Fondazione Bonotto)
Patrizio Peterlini (Direttore Fondazione Bonotto)
Sonia Puccetti Caruso (Presidente Archivio Luciano Caruso)

Il sostegno della Fondazione Bonotto al Prix Littéraire Bernard Heidsieck – Centre Pompidou nasce dalla volontà di dare nuova luce e rilevanza a questo campo allargato della letteratura, in tutte le sue declinazioni ed espressioni artistiche. Essa rappresenta infatti l’evoluzione contemporanea e diversificata delle espressioni artistiche che hanno avuto il loro massimo sviluppo con le pratiche della Poesia sperimentale collezionate da Luigi Bonotto.

NEWS

Presentazione film

Presentazione film "George - The Story of George Maciunas and Fluxus"

13 Ottobre 2019 h. 15.00 - Macro Asilo Auditorium, Roma

Private view - Sense Sound / Sound Sense

Private view - Sense Sound / Sound Sense

1 Ottobre 2019 - Foto e rassegna stampa

PRIX LITTÉRAIRE BERNARD HEIDSIECK - CENTRE POMPIDOU 2019

PRIX LITTÉRAIRE BERNARD HEIDSIECK - CENTRE POMPIDOU 2019

11 Settembre 2019 h 20.30 - Forum 1 Centre Georges Pompidou, Parigi

Inaugurazione mostra e presentazione arazzo di Alain Arias-Misson

Inaugurazione mostra e presentazione arazzo di Alain Arias-Misson

11 Settembre 2019 - Forum 1 Centre Georges Pompidou, Parigi

SENSE SOUND / SOUND SENSE. FLUXUS MUSIC, SCORES & RECORDS

SENSE SOUND / SOUND SENSE. FLUXUS MUSIC, SCORES & RECORDS

3 Settembre 2019 - 2 Febbraio 2020 / Whitechapel Gallery, London

TOP