Activating Fluxus: In and Out of the Archive

May 5 , 2023 - Public online international conference

AUDIOGUIDA

Fondazione Bonotto in collaborazione con il progetto di ricerca Activating Fluxus (sponsorizzato dal Fondo Nazionale Svizzero per la Scienza e situato presso l'Accademia delle Arti di Berna, Svizzera), è lieta di annunciare il convegno internazionale pubblico online: "Attivazione di Fluxus: dentro e fuori dall'archivio" .
Questo evento riunisce eminenti relatori per confrontarsi con la nozione di archivio e considerare lo spazio archivistico come un potenziale sito per l'attivazione di opere create a partire dagli anni '60 con un focus particolare su Fluxus.

L'evento è gratuito, ma per partecipare è necessario registrarsi
bit.ly/3okSu7U
Un giorno prima dell'evento verrà inviato un collegamento Zoom agli iscritti.

Sessione mattutina / 10:00-12:00

10:30-11:00 Intermedia Chart and Other Re-activating Stories
Patrizio Peterlini, Fondazione Bonotto

Fin dalla sua costituzione nel 2013, la Fondazione Bonotto si è impegnata a diffondere e studiare la poetica di Fluxus e la Poesia Sperimentale (Concreta, Sonora, Visiva) attraverso collaborazioni con Università, Accademie d'Arte e programmi di residenza per giovani artisti e curatori. Parte fondamentale di queste collaborazioni è stato il confronto diretto e attivo con le opere e i documenti conservati nella collezione Bonotto che ha dato vita
a nuove e sorprendenti esperienze curatoriali e creazioni artistiche. L'intervento illustra alcuni dei progetti più significativi e interessanti quali: l'aggiornamento della “Intermedia Chart”, creata nel 1995 da Dick Higgins per l'amico Luigi Bonotto; l'edizione “Roll Up” realizzata con i giovani artisti in residenza alla Fondazione Bevilacqua La Masa (Venezia); la mostra “Symphony of Hunger. Digesting Fluxus in four movements” realizzato in collaborazione con la School for Curatorial Studies di Venezia.

11:00-11:30
Activating the Archive
Aga Wielocha and Josephine Ellis, SNSF Activating Fluxus, Bern Academy of the Arts

In questa presentazione, due membri del progetto SNSF Activating Fluxus condivideranno elementi della loro ricerca per chiarire la nozione di attivazione archivistica. Intrecciando prospettive teoriche e pratiche, alcune domande che porranno includono: cosa significa attivare un'opera d'arte dal dominio archivistico e in che modo questo metodo può servire come indagine interdisciplinare? È possibile concepire le opere d'arte, non solo come un archivio, ma come capaci di generare i propri archivi? Le implicazioni di queste domande per la pratica museologica e storica dell'arte, così come concetti come tempo, spazio e identità, saranno esplorate anche in corrispondenza di specifiche opere di Fluxus e dei loro aldilà.

11:30-12:00 ‘In the Name’ – Concept of an Exhibition
Hubertus von Amelunxen, Archivio Conz

L'Archivio Conz di Berlino custodisce la vasta collezione del collezionista, editore e fotografo italiano Francesco Conz (1935-2010). Dal 2016 è in corso la catalogazione della collezione. Sebbene Fluxus sia al centro della collezione, altrettanto importanti sono i fondi di Poesia Concreta e Lettrismo. Da non trascurare è la vasta collezione di feticci. Hubertus von Amelunxen presenterà da un lato il concept di una grande mostra dedicata alla collezione e dall'altro riflettendo sulla questione del linguaggio e del “nome”. La mostra intitolata “In The Name” si svolgerà presso il chiostro Eberbach da marzo a maggio 2024. Si concentra sulla parola parlata e scritta, sul suono e sull'immagine e cercherà di contestualizzare le opere d'arte con accenni all'Opera Aperta di Umberto Eco (1962 ) e Di Grammatology di Jacques Derrida (1967).

12:00-12:30
Long Live Fluxus
Laura Montanari, Pari&Dispari and Alessandro Gazzotti, Civic Museums of Reggio Emilia

Dagli anni '70, Pari&Dispari/Rosanna Chiessi hanno collaborato a stretto contatto con artisti Fluxus come Joe Jones, Takako Saito, Philip Corner, e molti altri, offrendo loro un supporto concreto per realizzare opere, edizioni e pubblicazioni, e hanno inoltre partecipato a fiere internazionali, sono state coinvolto nella costruzione di circuiti con diverse avanguardie, creato festival di performance multimediali ed eventi internazionali, lavorato a stretto contatto con la comunità locale, e ha istituito l'Archivio Storico Artistico Pari&Dispari. Negli anni più recenti, le Amministrazioni pubbliche ei musei sono stati i principali sostenitori e divulgatori dei movimenti promossi da Pari&Dispari attraverso mostre, pubblicazioni e archivi fisici e virtuali. Di particolare rilievo la collaborazione tra Rosanna Chiessi/Archivio Storico Pari&Dispari e il Comune di Reggio Emilia, sia con i Musei Civi che con la Biblioteca Panizzi, con la creazione del fondo fotografico “Rosanna Chiessi, Archivio Storicio-Artistico PARI&DISPARI”. Il futuro di Fluxus, o come si trasformerà, parte dalla conoscenza e quindi dalla diffusione del fenomeno culturale attraverso istituzioni culturali pubbliche e private utilizzando diversi media. Il messaggio Fluxus viene trasmesso anche riproducendo eventi performativi che hanno reso celebre il movimento, spiegandone il significato, reinterpretandoli o mettendo in scena progetti mai realizzati. Uno dei canali principali su cui fare leva può essere la musica, che dagli anni 2000 ha attratto principalmente una generazione più giovane di artisti e musicisti.

Sessione pomeridiana / 10:00AM-12:00PM

14:00-14:30
Ecart Archives at MAMCO
Lionel Bovier, Musée d’Art moderne et contemporain,Genève

Questa presentazione delinea l'incorporazione degli Archivi Ecart nello spazio fisico e nella programmazione del Musée d'art moderne et contemporain, Ginevra (MAMCO), come risultato di un progetto di ricerca intitolato "Ecart. Une archive collective, 1969-1982” (2017-2019). Il progetto è stato condotto da HEAD-Ginevra in collaborazione con MAMCO, finanziato dal fondo strategico di HES-SO e coordinato da Elisabeth Jobin. Oltre a mostre, pubblicazioni e programmi pubblici, il progetto ha portato alla creazione di uno spazio accessibile al pubblico dedicato a Ecart, che è stato integrato nell'esposizione permanente di MAMCO. Questo spazio combina archivi, una sala di lettura e uno spazio per mostre temporanee basate sul materiale d'archivio e ispirate al contenuto dell'archivio. Ecart era un collettivo artistico, uno spazio indipendente e una casa editrice fondata nel 1969 a Ginevra da John M Armleder, Patrick Lucchini e Claude Rychner. Negli anni '70, Ecart divenne un punto d'incontro dell'arte europea e americana e uno dei fulcri delle pratiche artistiche legate a Fluxus in Europa.

14:30-15:00
„Bla-bla-bla“: Quoting Benjamin Pattersonand other Fluxus Ideas
Elke Gruhn, Nassauischer Kunstverein Wiesbaden

Il festival Fluxus di Wiesbaden nel 1962 è stato monumentalizzato nella storia come l'evento canonico da cui è emerso Fluxus. Come possiamo sperimentare in modo più fantasioso sia l'eredità di Wiesbaden che quella più ampia di Fluxus, al di là delle questioni di conservazione fisica? Questa presentazione esplora diverse modalità di realizzazione di mostre contemporanee e considera come le idee di Fluxus possono essere trasmesse agli artisti contemporanei attraverso il networking internazionale tramite Follow Fluxus, una borsa di studio annuale che sostiene la pratica di artisti le cui opere si basano sulle idee di Fluxus.

15:00-15:30 60 Years of Fluxarchive Sohm
Elke Allgaier, Staasgalerie Stuttgart

Nel 1981 Hanns Sohm, il fondatore dell'archivio, trasferì i suoi fondi, che erano stati raccolti privatamente per un periodo di circa 20 anni, alla Staatsgalerie Stuttgart. La Staatsgalerie divenne così un punto di riferimento per la ricerca Fluxus. Ma per quanto riguarda soprattutto l'esplorazione e l'attivazione della collezione, oggi ci troviamo di fronte a sfide strategiche. Verrà utilizzato un breve rapporto del workshop per discutere i casi di studio attuali, nonché una panoramica e prospettive.

Relatori:
Elke Allgaier
è curatrice e responsabile del dipartimento degli archivi della Staatsgalerie, un istituto di ricerca che detiene quattro importanti lasciti archivistici: Fluxus Archives of Hanns Sohm, Archive Oskar Schlemmer, Archive Will Grohmann e Kunsttheoretischer Nachlass Adolf Hölzel (lascito teorico d'arte di Adolf Hölzel). Formatosi in storia dell'arte, ha completato un MA all'Università di Friburgo e un dottorato di ricerca all'Università di Zurigo. La sua ricerca si è concentrata sulla Fotografia in relazione alle attività di Fluxus. Attualmente sta curando la mostra "Alison Knowles. Sound and Space”, in mostra fino al 9 luglio 2023 alla Staatsgalerie di Stoccarda.
Hubertus von Amelunxen è filosofo, storico dell'arte, editore, curatore, critico e professore di filosofia della fotografia e studi culturali. Ha scritto e pubblicato diversi libri incentrati sulla storia e la teoria della fotografia e ha curato numerose mostre internazionali da William Henry Fox Talbot (1989) a Cy Twombly (2012). È stato il direttore fondatore dell'Institute for Interdisciplinary Studies presso la Muthesius Academy di Kiel (1995-2000), il direttore fondatore della International School of New Media (ISNM) di Lubecca (2000-2005), il direttore generale di The European School of the Image di Angoulême e Poitiers (2005-2010), presidente dell'Accademia delle arti di Braunschweig (2010-2013) e presidente e rettore della European Graduate School, con sede a Saas-Fee, Svizzera, Venezia e Valletta, Malta (2013-2019). Dal 2020 è direttore dell'Archivio Conz di Berlino, una vasta raccolta di Fluxus, Lettrismo e Poesia Concreta. von Amelunxen è dal 2003 membro eletto della sezione arti visive dell'Akademie der Künste di Berlino.
Lionel Bovier è storico dell'arte e dal 2016 direttore del MAMCO, il museo d'arte moderna e contemporanea di Ginevra. In precedenza ha lavorato come critico d'arte, curatore ed editore, iniziando la sua carriera gettando le fondamenta dello spazio artistico indipendente Forde, Ginevra e curando mostre in varie istituzioni tra cui Le Magasin a Grenoble e il Musée des Beaux-Arts a Losanna. Nel 2004 ha cofondato la casa editrice JRP|Ringier, uno dei principali editori internazionali e indipendenti di libri sull'arte contemporanea. È autore e curatore di numerosi libri e cataloghi di mostre.
Josephine Ellis è la dottoranda nel progetto di ricerca Activated Fluxus, ospitato dal programma di laurea SINTA Studies in the Arts presso l'Università di Berna e la Bern University of the Arts. Recentemente ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell'Arte presso l'University College di Londra, in Inghilterra, dove si è specializzata nella materialità di opere d'arte e manufatti creati negli anni '60 e '70 e nella cultura visiva del sud-est asiatico durante il Secondo Impero Britannico.
Alessandro Gazzotti si è laureato al DAMS di Bologna in Storia dell'Arte Contemporanea, indirizzo Museologia. Dal 2009 è funzionario incaricato della cura delle collezioni storico-artistiche dei Musei Civici di Reggio Emilia. Nei primi anni 2000 Gazzotti è stato collaboratore di Rosanna Chiessi (Pari&Dispari).
Elke Gruhn è direttrice, curatrice, ricercatrice ed editrice presso il Nassauische Kunstverein Wiesbaden, dove ha finanziato la borsa di studio Follow Fluxus in collaborazione con la capitale dello stato di Wiesbaden (2008-). Insieme a Valerie Cassel Oliver (CAM Houston) ha curato la retrospettiva di Ben Patterson nel 2012 a Wiesbaden (Fluxus 50). In collaborazione con la sua tenuta, ha attivato la colonna sonora di Patterson per documenta 13 (Atene e Kassel) e ha eseguito le sue ulteriori attivazioni ad Hannover (2918) e all'Art Institute Chicago (2019). Per il recente sessantesimo anniversario dell'iconico FLUXUS-Festspiele Neuester Musik 2022, ha avviato la serie di mostre FLUXUS SEX TIES, incentrata sulle artiste donne dentro e intorno a Fluxus. Gruhn ha studiato storia dell'arte a Colonia e Marburgo e ha conseguito un master in storia dell'arte, antropologia e germanistica. Nel suo lavoro pratico, si concentra sulla sperimentazione di formati espositivi diversi, principalmente a basso budget, per l'attivazione di Fluxus.
Hanna Hölling è professoressa di ricerca presso la Bern University of the Arts e Honorary Fellow presso l'University College di Londra. Prima di questo, Hanna è stata Professore Associato presso il Dipartimento di Storia dell'Arte, University College London e Andrew W. Mellon Professor, Cultures of Conservation, presso il Bard Graduate Center, New York. La sua ricerca, insegnamento e consulenza affronta argomenti di storia e teoria dell'arte, studi sui media e sui materiali (cultura), museologia, conservazione e arte americana ed europea creata dagli anni '60. Le pubblicazioni di Hölling includono due monografie di autore unico: Paik's Virtual Archive: On Time, Change and Materiality in Media Art (University of California Press, 2017) e Revisions—Zen for Film (Bard Graduate Center, 2015) e tre volumi curati: The Explicit Material: Inquiries on the Intersection of Curatorial and Conservation Cultures (a cura di F. Bewer e K. Ammann; Brill, 2019), Object-Event-Performance: Art and Materiality since the 1960s (Bard Graduate Center, 2021) e Performance : The Ethics and the Politics of Conservation and Care (curato insieme a J. P. Feldman e E. Magnin; Routledge, in uscita nel 2023). Altri scritti di Hölling sono apparsi in riviste peer-reviewed, antologie critiche e cataloghi di mostre.
Laura Montanari promuove l'Archivio Storico Pari&Dispari/Rosanna Chiessi attraverso mostre, eventi, pubblicazioni e il sito web www.pariedispari.org. L'Archivio è costituito da contemporanei
opere d'arte raccolte e prodotte da Rosanna Chiessi, realizzate in oltre 50 anni da artisti delle principali correnti italiane e internazionali, in particolare dell'area concettuale italiana, poeti visivi, Azionismo viennese, Fluxus, performance art e movimento Gutai.
Patrizio Peterlini è laureato in Lettere Moderne e Psicologia Clinica, ha conseguito un D.E.A. in Psychanalyse Concept et Clinique presso l'Université Paris-8. Membro partecipante della Scuola Lacaniana di Psicoanalisi in Italia, è membro dei comitati scientifici dell'Archivio Luciano Caruso (Firenze), “BAU Contenitore di cultura contemporanea” e del Comité de Suivi de l'EUR Creates Université Côte d' Azzurra. Dal 2005 al 2010 ha collaborato con l'Archivio F. Conz, curandone le pubblicazioni, le mostre e la catalogazione di opere e documenti. Dal 2013 è direttore della Fondazione Bonotto. Dal 2017 al 2021 è stato membro permanente della giuria del “Prix Littéraire Bernard Heidsieck-Centre Pompidou” che ha contribuito a fondare. Ha curato mostre in importanti istituzioni internazionali ei suoi contributi sono pubblicati in numerosi cataloghi d'arte e in riviste di psicoanalisi. Tra i suoi
le pubblicazioni sono: “Riviste d’arte d’avanguardia. L'esoeditoria in Italia negli anni 60 e 70”; “Sarenco: le riviste, la lotta. Storia di un esploratore d'avanguardia”; “Lo squartamento estetico. La distruzione della bellezza nella Body Art”; “Fluxbook. Fluxus Libri d'artista”; “Arrigo Lora Totino. La parola come poesia segno suono gesto. 1962-1982”; “Sense Sound / Sound Sense. Fluxus musica, spartiti e dischi”; “Rivoluzione a parole. Poesia sperimentale internazionale dal 1946 a oggi. Manifesti e testi teorici”, “Giovanni Fontana. Poesia epigenetica” e “La voix libérée. Poésie sonore”, un innovativo catalogo in forma di app.
Aga Wielocha è una ricercatrice e professionista della cura delle collezioni specializzata in arte contemporanea. Attualmente è borsista post-dottorato nel progetto di ricerca finanziato dal FNS Activating Fluxus presso l'Institute Materiality in Art and Culture, Bern Academy of the Arts. In precedenza, ha lavorato come conservatrice al M+ Museum of Visual Culture di Hong Kong, dove progettava strategie di documentazione per supportare un'efficiente cura delle crescenti collezioni di arte visiva, design, architettura e immagini in movimento. La sua ricerca di dottorato, intitolata Raccolta di archivi di oggetti e storie: On the Lives and Futures of Contemporary Art at the Museum, svolta nell'ambito del programma New Approaches in the Conservation of Contemporary Art (NACCA) e situata all'intersezione tra storia dell'arte e teoria, conservazione, museologia e studi sul patrimonio, si è concentrata sulla vita e il futuro dell'arte contemporanea nelle collezioni istituzionali, in particolare sulle opere che sono variabili e si sviluppano nel tempo. I suoi interessi di ricerca generali risiedono nei meccanismi e nei processi del collezionismo istituzionale con particolare attenzione ai formati processuali e contemporanei dell'arte, come i progetti artistici, l'arte partecipativa e la performance e tiene regolarmente conferenze, presentazioni e scrive su questo argomento.

News

SPOTSHOTBEUYS | Silke Grabinger

SPOTSHOTBEUYS | Silke Grabinger

20 Aprile 2024 | 18:30-20:30 | Campiello del Leon Bianco, Venezia

Millenanni Terzo Anno - Henri Chopin. Visiva utopia

Millenanni Terzo Anno - Henri Chopin. Visiva utopia

9 aprile - 31 luglio 2024 - Casa Morra, Napoli

Fondazione Bonotto partecipa alla Book Talk

Fondazione Bonotto partecipa alla Book Talk

ARTEFIERA Bologna - 4 Febbraio 2024

"La poesia ti guarda". Omaggio al Gruppo 70 (1963-2023)

1 Dicembre 2023 - 5 Maggio 2024 | Galleria d'Arte Moderna, Roma

Intersezioni di musica e arti visive in Italia nel secondo Novecento

Intersezioni di musica e arti visive in Italia nel secondo Novecento

24 Novembre 2023 | Fondazione Giorgio Cini, Venezia

Top