Fluxus Fetish

2-3 Novembre 2023 | Archivio Conz, Berlino

AUDIOGUIDA

Fluxus Fetish
2-3 Novembre 2023 | Archivio Conz, Berlino


SNSF Activating Fluxus in collaborazione con Archivio Conz sono lieti di annunciare l'evento "Fluxus Fetish", che si svolgerà presso l'Archivio Conz, Berlino, il 2-3 novembre 2023.
Questo evento esplora l'eredità di Fluxus attraverso la nozione di “feticcio” in relazione all'enigmatica collezione di oggetti feticcio di Francesco Conz.

“Fluxus Fetish” fa parte di una giornata di studio Fluxus di due giorni ospitata dall'Archivio Conz. il 2 novembre si è tenuta una giornata studi chiusa al pubblico. Il 3 novembre si è svolto un public panel incentrato sull'idea di un Fetish Tisch (in inglese: “Fetish table”), con oggetti selezionati dalla collezione e gli nterventi dei relatori invitati: Horst Bredekamp (Università Humboldt), Clémentine Deliss (KW Institute), Ayesha Fuentes (Università di Cambridge, e Patrizio Peterlini (Fondazione Bonotto). Il panel è stato introdotto da Hubertus von Amelunxen, direttore dell'Archivio Conz.

Co-organizzato dal team del SNSF Activating Fluxus e dell'Archivio Conz, l'evento Fluxus Fetish mira ad approfondire il concetto di feticcio da diversi punti di vista. In primo luogo, lo esploreremo attraverso la lente della collezione unica di oggetti feticcio dell’Archivio Conz. Questa esplorazione comprenderà la vibrante vita d’archivio e il potenziale latente che risiede all’interno di questi oggetti. In secondo luogo, ci occuperemo della nozione di feticcio come qualcosa che possiede un'azione distinta, indagando come determinati oggetti acquisiscono la capacità di esercitare un'influenza su altri oggetti, individui e pratiche. Tracceremo connessioni tra affetto e cura, colmando il divario tra i feticci di Fluxus e altri oggetti emotivamente carichi, ad esempio i cosiddetti “oggetti etnografici”. In terzo luogo, esamineremo l'atto di collezionare opere d'arte come oggetti specifici come forma di feticismo, o come gli oggetti diventano feticizzati nella collezione attraverso rituali.

Si sono poste riflessione su domande come: Quali desideri nutrono questi oggetti e definiscono le proprie condizioni di cura? Che impatto ha un oggetto feticcio sull'archivio che lo ospita? Cosa succede quando un oggetto collezionato diventa "feticizzato" all'interno della collezione a cui appartiene? Possiamo attivare un feticcio o, al contrario, in che modo gli oggetti feticcio sfidano la nozione di attivazione? Alle prese con la nozione paradossale di “conoscere, ma sempre lo stesso” si sono esplorati infine cosa rappresentano questi feticci e cosa rimane sfuggente, nonché il modo in cui sfidano la teoria e la pratica o la cura dell’arte.

Horst Bredekamp è professore di storia dell'arte all'Università Humboldt di Berlino dal 2003 e membro permanente dell'Istituto per gli studi avanzati dal 2003. Tra i riconoscimenti finora ricevuti figura l'Aby M. Warburg Award. della Città di Amburgo (1980) e il Premio Sigmund Freud dell'Accademia tedesca di lingua e letteratura, Darmstadt (2001). È stato Visiting Scholar presso il Getty Center for the History of Art and the Humanities, Santa Monica (1995) e Research Scholar presso il Getty Research Institute for the History of Art and the Humanities, Los Angeles (1998).

Clementine Déliss lavora oltre i confini dell'arte contemporanea e della pratica curatoriale. Ha studiato arte e antropologia a Vienna, Parigi e Londra e ha conseguito il dottorato di ricerca. dalla Scuola di Studi Africani e Orientali, Università di Londra. Attualmente è Visiting Professor di Storia dell'Arte in Global Humanities presso l'Università di Cambridge e Curatrice Associata del KW Institute for Contemporary Art di Berlino. Il suo recente libro “The Metabolic Museum” (2020) è stato pubblicato da Hatje Cantz in coproduzione con KW Institute for Contemporary Art Berlin ed è uscito in traduzione russa pubblicata dal Garage Museum, Mosca, nel 2021.

Ayesha Fuentes è una conservatrice di oggetti e storica dei materiali, attualmente Isaac Newton Trust Research Associate in Conservation presso il Museo di Archeologia e Antropologia dell'Università di Cambridge. Si è laureata al programma MA della UCLA/Getty in Conservazione del patrimonio culturale e ha un dottorato di ricerca presso la SOAS University di Londra, dove ha scritto la sua tesi sull'uso dei resti umani negli oggetti rituali tibetani e himalayani.

Patrizio Peterlini è laureato in Lettere Moderne e Psicologia Clinica ed è titolare di un D.E.A. in Psychanalyse Concept et Clinique presso l'Université Paris-8. È membro partecipante della Scuola Lacaniana di Psicoanalisi in Italia e dei comitati scientifici dell’Archivio Luciano Caruso (Firenze), “BAU Contenitore di cultura contemporanea” e del Comité de Suivi de l’EUR Creates Université Côte d’Azur. Dal 2005 al 2010 ha collaborato con l'Archivio F. Conz, curandone pubblicazioni, esposizioni e catalogazione di opere e documenti. Dal 2013 è direttore della Fondazione Bonotto. Dal 2017 al 2021 è stato membro permanente della giuria del “Prix Littéraire Bernard Heidsieck-Centre Pompidou” che ha contribuito a fondare. Ha curato mostre in importanti istituzioni internazionali e i suoi contributi sono pubblicati in numerosi cataloghi d'arte e su riviste di psicoanalisi.

Activating Fluxus è un progetto di ricerca iniziato nell'aprile 2022 presso l'Istituto di materialità in arte e cultura, Università delle arti di Berna (HKB). Finanziato dal Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica, il progetto è composto da un team interdisciplinare di ricercatori tra cui la Prof. Dr. Hanna B Hölling (responsabile del progetto), Dr. Aga Wielocha (borsista post-dottorato), Josephine Ellis (dottorando), Marcus Gossolt (artista collaboratore) e una rete di ricercatori associati: Johannes M. Hedinger, Sally Kawamura, Elke Gruhn, Stefanie Mathey e Émilie Parendeau. Insieme stanno indagando sulle vite internazionali transitorie e sull’aldilà degli oggetti, degli eventi e degli oggetti effimeri Fluxus creati dagli anni ’60 agli anni ’70, non destinati alla conservazione.

Archivio Conz è un istituto di ricerca con sede a Berlino dedicato alla presentazione, promozione e ricerca di Fluxus, poesia concreta e lettrismo. Contiene una delle più grandi collezioni di arte Fluxus al mondo, accumulata in cinquant'anni dal visionario collezionista, editore e fotografo Francesco Conz (1935-2010).

News

Fondazione Bonotto partecipa alla Book Talk

Fondazione Bonotto partecipa alla Book Talk

ARTEFIERA Bologna - 4 Febbraio 2024

"La poesia ti guarda". Omaggio al Gruppo 70 (1963-2023)

1 Dicembre 2023 - 5 Maggio 2024 | Galleria d'Arte Moderna, Roma

Intersezioni di musica e arti visive in Italia nel secondo Novecento

Intersezioni di musica e arti visive in Italia nel secondo Novecento

24 Novembre 2023 | Fondazione Giorgio Cini, Venezia

Fluxus Fetish

Fluxus Fetish

2-3 Novembre 2023 | Archivio Conz, Berlino

La collezione Bonotto è un mondo Fluxus

La collezione Bonotto è un mondo Fluxus

Collezione da Tiffany, 20 ottobre 2023

Top