I cinque anni del Prix Littérarie Bernard Heidsieck-Centre Pompidou

17 Settembre 2021 H. 19.00, Centre Georges Pompidou, Parigi

AUDIOGUIDA

Fondazione Bonotto ha il piacere di annunciare la quinta edizione del Prix Littéraire Bernard Heidsieck-Centre Pompidou nell'ambito del Festival Extra! che si terrà dall'8 al 19 settembre 2021.

Creato nel 2017 dalla collaborazione tra il Centre Pompidou e la Fondazione Bonotto il Prix Bernard Heidsieck-Centre Pompidou è unico nel mondo dei premi letterari e consacra figure notevoli della creazione letteraria in tutte le sue forme: letteratura performativa, sonora, visiva, digitale... Spesso rifiutata o emarginata dal mondo letterario, questa concezione aperta della letteratura e queste modalità di uscire dal libro, sono qui pienamente sotto i riflettori.

In cinque anni sono dodici gli artisti che hanno vinto il "Prix d’honneur", il "Prix de l’année" e il "Prix mention spéciale Fondazione Bonotto", sostenitrice del premio fin dall'inizio. L'universo letterario qui proposto, mescola, senza gerarchia, artisti storici e pionieri della poesia visiva con artisti-letterati più giovani.

Per questa quinta edizione, il premio letterario del Centre Pompidou è messo in scena dalla graphic designer Anette Lenz. I nastri magnetici colorati utilizzati dal poeta Bernard Heidsieck, contenuti nel trofeo, si estendono nello spazio espositivo per enfatizzare e ritmare le opere esposte da ogni vincitore. Una “scenografia” che mette in luce il panorama letterario attuale e sperimentale portato avanti da questo premio. Tanti esempi di una letteratura che non esita ad andare oltre il libro per diventare voce, corpo, installazione o immagine.

Mentre i nominati per il Prix d’honneur e per il Prix Mention Spéciale Fondazione Bonotto non vengono rivelati fino al giorno della premiazione, come ogni anno, la giuria internazionale, composta da imminenti figure del mondo dell’arte, della letteratura e delle principali istituzioni culturali al mondo, ha reso noti i quattro nominati per il Prix de l’année 2021:

- Ásta Fanney Sigurðardóttir (Islanda, 1987)
Ásta Fanney Sigurðardóttir è un'artista multidisciplinare, poeta e musicista. Nella sua attività artistica utilizza poesia, suoni, musica, sculture, disegni, film e performance con particolare attenzione ai fenomeni legati alle parole e al linguaggio. Ásta considera la poesia come base di riferimento per tutti i mezzi artistici e una tessitura per la vita in generale.
Sulla sua nomina:
“È incredibilmente stimolante essere nominati per il Prix Littéraire Bernard Heidsieck-Centre Pompidou.
Mi sento onorata di essere riconosciuta e apprezzata per le mie esperienze nel fondere arte visiva e letteratura. Ho lavorato nel campo tra poesia, musica, performance e arti visive. Ho cercato spesso di confrontarmi con l'ideologia del nostro tempo, secondo la quale un artista deve scegliere tra le forme d'arte e l'esigenza di realizzare prodotti tradizionali, un libro, un album, una mostra. In questo senso, questo premio è un immenso sostegno per un terreno che è ancora in divenire. E mentre si crea, si scavano strade in nuovi territori e questo premio è lì per far sì che vengano notate e fatte storia».

- Lore Lixenberg (Regno Unito)
Musicista, mezzosoprano, performer e compositrice, Lore Lixenberg sviluppa la ricerca su nuove forme vocali che mettono in discussione la comunicazione nell'era della digitalizzazione, della multi-voce e della multi-musica. Come nella sua opera sciamanica "BIRD", in cui viene de-costruita una conferenza sugli uccelli, o nella sua installazione lirica "PRET A CHANTER", Loré Lixenberg esplora le possibilità di diverse forme partecipative, sociali e digitali. Il suo pezzo "PANIC ROOM - THE SINGTERVIEWS" è sia una performance live che un canale YouTube TV in cui utilizza la forma dell'intervista come meta-composizione. Ha anche creato il pezzo "INNANACARA" in un salone di un parrucchiere, nel quale esplora l'intimità dell'appuntamento dal parrucchiere sotto forma di una narrazione vocale alternativa estesa. Le opere di Lixenberg sono state esposte in tutto il mondo, in luoghi diversi come l'Hamburger Bahnhof di Berlino, l'Armeria di New York, il Museo di Storia Naturale e la Wellcome Foundation di Londra.
Insieme alla sua pratica creativa, Lixenberg ha anche una vasta esperienza nell'interpretazione e nella collaborazione. Si è esibita come musicista e cantante mezzosoprano in tutto il mondo, in concerti, gallerie, teatri d'opera e in nuove installazioni e performance vocali con artisti sperimentali visivi e sonori.
Sulla sua nomina:
“È assolutamente fantastico e un onore essere nominati per questo premio in memoria di Bernard Heidsieck, che è stato un artista grande e generoso e un'ispirazione personale per me e il mio lavoro. Inoltre, a questo punto della storia europea, a causa della Brexit, è totalmente ripugnante essere inglese, quindi questa nomina non sembra solo una dichiarazione di sostegno, ma anche un'apertura artistica da parte della giuria del Prix Heidsieck e del Centre Pompidou per mettere un artista inglese sulla loro lista. Grazie!"

- Nico Dockx (Belgio, 1974)
Nico Dockx lavora come artista visivo, curatore, editore e ricercatore, con un interesse primario per gli archivi. I suoi interventi, le sue pubblicazioni, testi, paesaggi sonori, immagini, installazioni, performance e conversazioni - che sono generalmente frutto di collaborazioni con altri artisti - incarnano il rapporto tra percezione e memoria, che interpreta ogni volta in modo diverso. Il suo lavoro gli ha permesso di ottenere la borsa di studio "DAAD" a Berlino (2005) e vari premi come il Young Belgian Art Prize - l'Emile & Stephy Langui Prize (2009, con Helena Sidiropoulos). Dal 2000 ha esposto le sue opere in Belgio e all'estero e ha pubblicato più di quaranta libri d'artista con la sua casa editrice indipendente Curious. È co-fondatore di progetti interdisciplinari come Building Transmissions (2001-2013), Extra Academy (2010 ), A Dog Republic (2012-2020) e Galerie Imaginaire (2015 con Sébastien). Delira). Collabora con l'agenzia Lightmachine di Gent. Con Louwrien Wijers, Egon Hanfstingl e molte altre collaborazioni, ha lavorato al suo progetto di dottorato The New Conversations presso la Royal Academy of Fine Arts di Anversa e ha anche co-organizzato con Pascal Gielen le Mobile Summer Schools Autonomy (2015) e Making Public Domain ( 2017) / Commonism / Swamp School (2018).
Sulla sua nomina:
“Sono molto onorato di essere stato nominato per questo premio perché credo fermamente che le arti visive, la poesia, la letteratura (così come molte altre discipline) debbano essere in costante dialogo tra loro. È in questo avvicinamento tra diverse discipline che l' "arte" può davvero prendere forma. "

- Nora Turato (Croazia, 1991)
Artista visiva e performer che vive ad Amsterdam, Nora Turato pone il linguaggio al centro della sua pratica. Nel suo lavoro traduce le informazioni assorbite dal suo consumo quotidiano di articoli, conversazioni, sottotitoli e slogan pubblicitari in script linguistici e visivi su video, installazioni, libri d'artista, murales e performance orali. Tutto ciò che la circonda si riflette nel suo lavoro. In questo modo, è democratica; le dichiarazioni politiche si fondono con le citazioni dei Kardashian nella stessa misura, rivelando sottili sincronismi nelle relazioni sociali, nelle strategie di marketing, nel comportamento dei consumatori e nella loro stessa soggettività.
Oltre alla tipografia audace che caratterizza il suo stile, la calligrafia personale di Turato appare spesso nelle sue opere in caratteri disordinati, alludendo a un attaccamento sentimentale al taccuino d'artista o a momenti privati ​​di prove prima di una performance. Nora Turato incanala l'isteria testuale emessa dai nostri smartphone per accentuare la volatilità del linguaggio quando è estrapolato dal contesto. Il suo lavoro è il riflesso di un'epoca in cui il linguaggio è dissociato dalla sua funzione informativa e dove le parole è come fossero svuotate dal loro significato.
______

Il 17 settembre alle ore 19 si è tenuta la cerimonia di premiazione con la consegna dei seguenti premi:

- Prix d’honneur conferito ad un autore il cui operato artistico nel complesso rispecchia il concetto di
letteratura fuori dal libro, consegnato a Katalin Ladik
- Prix de l'année distingue un autore per la sua creazione letteraria fuori dal libro, consegnato a Nora Turato
- Prix Mention Spéciale Fondazione Bonotto premia un autore selezionato da Fondazione Bonotto, consegnato a Fernando Aguiar


_____

Giuria 2021

Presidente
Maurizio Nannucci, artista

Membri permanenti
Nathalie e Emmanuelle Heidsieck, figlie di Bernard Heidsieck
Patrizio Peterlini, Fondazione Bonotto
Bernard Blistène, Directeur du Musée national d’art moderne Centre Pompidou
Mica Gerghescu, Bibliothèque Kandinsky Centre Pompidou
Jean-Max Colard, Chef du service de la Parole Centre Pompidou, Directeur artistique du Festival Extra!

Membri della giura 2021
Philp Broutin, artista
Valérie Mréjen, artista
Martina Corgnati, storica e critica d’arte, docente Accademia Belle Arti di Brera
Magali Nachtergael, Université Boerdeaux-Montaigne
Michael Batalla, Directeur du CipM Centre International de Poésie Marseille
Andrea Bellini, Centre d’Art Contemporain de Genève

Commissione Menzione Speciale Fondazione Bonotto
Luigi Bonotto (Presidente Fondazione Bonotto)
Lorenzo Bonotto (Consiglio d’amministrazione Fondazione Bonotto)
Giovanni Bonotto (Consiglio d’amministrazione Fondazione Bonotto)
Patrizio Peterlini (Direttore Fondazione Bonotto)
Sonia Puccetti Caruso (Presidente Archivio Luciano Caruso)

_____

I premiati negli anni precedenti

2020
Prix d’honneur: Gerhard Rühm
Prix de l'année 2020: Kinga Toth
Mention spéciale Fondazione Bonotto: Richard Kostelanetz

-

2019
Prix d’honneur: Clemente Padin
Prix de l'année 2019: Cia Rinne
Mention spéciale Fondazione Bonotto: Franz Mon

-

2018
Prix d’honneur: Michèle Métail
Prix de l'année 2018: Fia Backström
Mention spéciale Fondazione Bonotto: Alain Arias-Misson

-

2017
Prix d’honneur: John Giorno
Prix de l'année 2017: Caroline Bergval
Mention spéciale Fondazione Bonotto: Lamberto Pignotti


News

Pietre Preziose. Azioni & perturbazioni intorno a Fluxus

Pietre Preziose. Azioni & perturbazioni intorno a Fluxus

George Maciunas, Yoko Ono, Piero Manzoni, Gianni Emilio Simonetti

I cinque anni del Prix Littérarie Bernard Heidsieck-Centre Pompidou

I cinque anni del Prix Littérarie Bernard Heidsieck-Centre Pompidou

17 Settembre 2021 H. 19.00, Centre Georges Pompidou, Parigi

Collezionare rapporti umani con Luigi Bonotto e Patrizio Peterlini

Collezionare rapporti umani con Luigi Bonotto e Patrizio Peterlini

22 maggio 2021 - Serie di conversazioni sulle arti performative a cura di Brace Brace

Luigi Bonotto e Patrizio Peterlini ospiti di Visioniextra

Luigi Bonotto e Patrizio Peterlini ospiti di Visioniextra

14 maggio 2021 - Conversazione online con Francesco Bettin e Maurizio Panici

Top